lunedì 30 maggio 2016

Biscotti al burro di arachidi



Per questa ricetta sono partita dalla classica ricetta americana e l'ho stravolta, dal punto di vista nutrizionale volevo un biscotto il più possibile "sano", visto che sono incinta voglio solo il meglio per la mia piccola. Non voglio dire che questi biscotti siano light, ma sicuramente sono sani, hanno pochissimo zucchero e sono privi di latte e derivati. Sono molto veloci da preparare e di una facilità estrema. Se non trovate il burro di arachidi potete farlo in casa frullando le arachidi (non salate) fino ad ottenere un burro. Se non amate il gusto delle arachidi potete farli con il burro di mandorle o di nocciole.
Il risultato mi piace un sacco! Sono saporiti e nutrienti. Spesso questo concetto viene ignorato ma secondo me è fondamentale: se mangio 4 biscotti di questi alle 8 di mattina dopo 4 ore non ho ancora fame, se mangio 4 biscotti di quelli che si trovno comunemente al supermercato dopo 2 ore devo fare uno spuntino. Su questa cosa credo che sia il caso di riflettere, ma ora passiamo alla ricetta!

Ingredienti per circa 20 biscotti:

150 grammi di farina 0 (potete sostituila con la 00 io scelgo la 0 per esigenze nutrizionali)
100 grammi di purea di mela
60 grammi di burro di arachidi puro al 100% 
50 grammi di gocce di cioccolato
30 grammi di zucchero (se vi piacciono le cose molto dolci mettetene 40)
1 uovo
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
1 pizzico di vaniglia trirata

Procedimento

Non occorre fare altro che mischiare tutti gli ingredienti, si otterrà un impasto mediamente duro e abbastanza appiccicoso. 
Su una teglia foderata con carta da forno adagiare l'impasto a cucchiaiate ben distanziate l'una dall'altra e con le mani inumidite schiacciarle leggermente cercando di migliorare la forma per quanto possibile.
Cuocere i biscotti nel forno pre riscaldato statico a 180 gradi per circa 11 minuti.
Sfornare i biscotti e lasciarli raffreddare prima di consumarli.
Sono ottimi per accompagnare una tazza di the o per la pirima colazione.

Spero che la ricetta vi sia piaciuta, grazie per essere passati di qui!

Clara




mercoledì 11 maggio 2016

Torta alle mele light con versione senza zucchero e zenza latticini



Questa torta mi sta dando grandi soddisfazioni, è leggera ma allo stesso tempo riesce a placare la mia voglia di dolce!
In questa ricetta le mele sono tante rispetto agli altri ingredienti, questo permette di mettere pochissimo zucchero (appena due cucchiai) e di ottenere un dolce morbido grazie all'umidità data dalle mele, tuttavia è un dolce che va consumato in un paio di giorni, il terzo giorno inzia a perdere la sua fragranza. La ricetta è tarata per uno stampo piccolo quindi non c'è da preoccuparsi, io in due giorni potrei finirla anche da sola! 
Di questa torta io ne faccio anche una versione senza zucchero, sostituendo i 2 cucchiai di zuchero con 4 datteri denocciolati, in questo caso li metto a bagno la sera prima nel latte (che userò per il dolce) e al momento di preparare la torta li frullo con il minipimer, è un'operazione un po' noiosa perchè i datteri non sono semplici da frullare ma ci permettono di avere una torta completamente sugar-free.


Ingredienti per uno stampo di 22 cm di diametro:

750 grammi di mele
100 grammi di farina (io uso 50 grammi di farina integrale e 50 grammi di farina 0 ma potete usare la farina che preferite)
100 ml di latte (potete usare il latte vaccino o un latte vegetale non zuccherato)
70 grammi di nocciole tritate
30 grammi di zucchero (circa due cucchiai)
1 limone (la buccia grattuggiata e il succo)
2 uova
1 cucchiaino di lievito (circa mezza bustina)
1 bacca di vaniglia
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di zucchero a velo


Procedimento:

  • Tagliare le mele a fettine sottili e metterle in una boul con acqua fredda e il succo del limone.
  • Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve ferma.
  • In una ciotola unire la farina, il lievito, lo zucchero*, la polpa di vaniglia, la buccia grattuggiata del limone e il pizzico di sale.
  • Aggiungere i tuorli, il latte, le nocciole tritate e mescolare con una frusta elettrica.
  • Aggiungere gli albuni montati a neve e mescolare il composto dal basso verso l'alto fino a che non risulti omogeneo.
  • Aggiungere le mele (scolate) mescolando con delicatezza per non perdere l'aria incorporata con gli albumi.
  • Foderare uno stampo di 22 cm di diametro con della carta forno e versare dentro il composto.
  • Cuocere il dolce nel forno pre-riscaldato a 180° ventilato per circa 45 minuti, controllare con uno stecchino la cottura prima di sfornare il dolce.
  • Lasciare raffreddare la torta prima di toglierla dallo stampo.

Spero che la ricetta vi sia piaciuta!
Grazie per essere passati di qui.

Clara


*da omettere se si vuole preparare la versione senza zucchero, in questo caso i datteri frullati verranno aggiunti con il latte nel passaggio successivo. Prima di aggiungere il latte "datteroso" vi consiglio di filtrarlo con un colino a maglie larghe in modo da trattenere i pezzi più grossi.

venerdì 8 aprile 2016

Pane integrale di farro al burro di arachidi


Ahhhh il pane fatto in casa... lo adoro!!! Mi piace fare il pane perchè in questo modo ho la certezza di sapere quel che sto mangiando, non sempre nelle panetterie sono indicati gli ingredienti e per la mia esperienza spesso il pane integrale comune è integrale solo per una piccola percentuale.
Questa versione è fatta con la farina di farro e il burro di arachidi, io uso un burro di arachidi puro al 100%, se non lo avete potete sostituirlo con della frutta secca tritata. La farina di farro non sviluppa molto durante la lievitazione, se volete un pane più gonfio potete sostituire il 30% della farina con quella di frumento.

Ingredienti per una teglia da plum cake:

500 grammi di farina di farro integrale
300 grammi di acqua
4 grammi di lievito di birra disidratato
7 grammi di sale
40 grammi di burro di arachidi

Procedimento

In una ciotola capiente ho versato la farina, l'ho bagnata con 200 grammi di acqua e l'ho lasciata riposare un'oretta, se avete tempo potete lasciarla roposare di più, se non avete tempo potete saltare questo passaggio.
Ho sciolto il lievito nei 100 grammi di acqua  rimanenti, l'ho aggiunto alla farina bagnata e ho iniziato a impastare fino a raggiungere un composto uniforme.
Ho aggiutno il sale e il burro di arachidi e sono andata avanti a impastare formando una palla liscia e omogenea. A questo punto ho proceduto lavorando il pane con le classiche "pieghe" come mostra la foto qui sotto.
Ho dato all'impasto 3/4 pieghe (ogni volta cambiando direzione) e ho lasciato riposare il mio panetto per un'oretta nel forno spento con la luce accesa.
Trascorso questo tempo ho ripreso l'impasto e dato ancora qualche piega, ho formato un filoncino (arrotolando l'impasto sus e stesso), l'ho adagiato in una teglia da plum cake e rimesso nel forno a lievitare.
Dopo 5 ore di lievitazione sono passata alla cottura, ho messo il pane nel forno già caldo ventilato a 200° per 15 minuti, dopo di che ho abbassato il forno a 175° e continuato la cottura per altri 30 minuti.
Sul fondo del forno prima di iniziare la cottura ho inserito una piccola teglia piena di acqua.

Ho sfornato il pane e l'ho lasciato raffreddare prima di toglierlo dalla teglia.
Questo tipo di pane rimane buono per 2/3 giorni, essendo fatto con il lievito di birra non mantiene la sua frescheza prolungata per giorni e giorni come succede al pane fatto con il lievito madre, io di solito ne taglio una parte a fette e le congelo porzionandole, così ho il pane sempre "fresco" per la colazione.

Grazie per essere passati di qui!

Clara

mercoledì 16 marzo 2016

cheese cake mascarpone & fragole


Questa ricetta è un po' particolare, solitamente questa tipologia di torte, nella versione casereccia viene fatta senza cottura, ma io avevo la necessità di evitare le uova crude e così ho fatto una base di crema inglese. La ricetta l'ho tarata io e nonostante questo devo dire che è venuta bene, Luca, un bambino che adoro mi ha addirittura dato come voto 10! Non è molto dolce, ma nelle dosi vi darò due varianti in modo da accontentare tutti!
Potete usare la ricetta senza la base per fare una semplice bavarese, e naturalmente potete scegliere di cambiare la frutta a vostro piacimento.
Se preferite la versione cotta in forno trovate la ricetta qui.

Ingredienti:

 per la base:
180 grammi di biscotti al cioccolato
100 grammi di burro

per la parte al mascarpone:
300 ml di latte intero
4 tuorli
100 grammi di zucchero (se vi piacciono le cose molto dolci aumentate la dose di 30 grammi)
250 grammi di mascarpone
400 grammi di purea di fragole (fragole frullate con il minipimer)
12 grammi di colla di pesce
la bucchia grattuggiata di un limone
1/2 cucchiaino di vaniglia tritata, (oppure una bacca di vaniglia)

 per la finitura:
100 grammi di fragole
1 cucchiaio di zucchero


Procedimento:

Come prima cosa ho preparato la base di biscotto: ho tritato nel mixer i biscotti con il burro tagliato a pezzi, ho foderato con della carta forno il fondo di uno stampo a cerniera di 18 cm di diametro e ho imburrato le restanti parti, ho versato il trito sul fondo dello stampo e pressato bene con il dorso di un cucchiao fino ad ottenere una base uniforme e liscia che ho messo a riposare in frigorifero.

Ho messo a bagno la colla di pesce in abbondante acqua fredda, subito dopo ho preparato la crema inglese: ho messo il latte sul fuoco e a parte in una ciotola ho mischiato i 4 tuorli con 100 grammi di zucchero. Poco prima che il latte cominciasse a bollire l'ho tolto dal fuoco e mescolando con una frusta l'ho versato sul comoposto di uova e zucchero. Ho trasferito nuovamente il composto nella pentola che ho usato per scaldare il latte e ho continuato la cottura a fuoco bassissimo per alcuni minuti, sempre mescolando con un cucchiaio. La crema inglese è pronta quando immergendo un cucchiao lo ricopre completamente con un velo leggero, a questo punto bisogna interrompere la cottura altrimenti si rischia di rovinarla, se siete timorosi potetre optare per un bagnomaria in questo modo è più difficile sbagliare. Ho trasferito la crema in una ciotola e ho aggiunto la colla di pesce ben strizzata, la bucchia del limone e la vaniglia; ho mescolato fin che non fosse tutto ben amalgamato e la gelatina completamente sciolta.
Ho aggiunto il mascarpone e messo il composto in frigorifero per una decina di minuti perchè si raffreddasse un po'. E' consigliabile raffreddare il composto prima di aggiungere la purea di frutta, perchè mantenga un sapore fresco e per evitare l'effetto "frutta cotta" che in un dolce di questo tipo non sarebbe adatto.
Se non volete mettere il composto caldo un frigorifero potete raffreddarlo in un bagnomaria di acqua e ghiaccio. Non bisogna lasciare il preparato troppo tempo al freddo, altrimenti si rischia che la colla di pesce inizi a "tirare".
Trascorsi i 10 minuti ho aggiunto la purea di fragole e dopo aver mescolato bene ho versato il composto nello stampo sopra la base di biscotti; ho rimesso il tutto in frigorifero per 8 ore.
Se volete un risultato liscio e più fine potete passare in un colino la purea di frutta per eliminare i semini, io preferisco usarla "nature" perchè per lo meno si vede che ho usato le fragole vere.

Per la finitura ho messo un cucchiaio di zucchero in un pentolino con le fragole rimanenti, (tenendone 3 da parte per la decorazione) e l'ho fatto scaldare a fuoco lento per qualche minuto, quando lo zucchero si è sciolto, ho frullato tutto con il minipimer ottenendo una crema che ho fatto raffreddare.

Al momento di servire il dolce ho tolto la torta dallo stampo e l'ho decorata con la cremina di fragole e le tre fragoline che mi ero tenuta da parte.

E' una ricetta molto più difficile da scrivere che da fare, provateci è facile ma d'effetto.

Grazie per essere passati di qui.... al possimo post!

Clara

 




mercoledì 24 febbraio 2016

ciambelline al cocco con gocce di cioccolato


Un dolce semplice e veloce, perfetto per la merenda accompagnato da una tazza di the o per la colazione. Se riempiamo il buco con della crema al cioccolato e magari della panna montata può andare bene anche come dessert di fine pasto. E' una ricetta molto versatile, con ingredienti semplici che fanno si che sia anche salutare, certo sempre per essere un dolce!
Si può fare anche nella versione milk-free usando lo yogurt vegetale visto che la ricetta non prevede nè burro nè latte.

Se non avete gli stampini a ciambella potete usare quelli usa e getta per i muffin.



Ingredeinti per 14 ciambelline

125 grammi di yogurt bianco intero non zuccherato (se non volete usare latticini potete usare lo yogurt vegetale)
3 uova intere
125 grammi di olio di semi di girasole preferibilmete spremuto a freddo
80 grammi di zucchero
150 grammi di farina (io uso la farina 0 ma potete usare anche la 00)
80 grammi di amido di mais (potete usare anche la fecola di patate o l'amido di riso) 
50 grammi di cocco grattuggiato
80 grmmi di gocce di cioccolato
1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere
1 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale 
zucchero a velo per decorare
olio per ungere gli stampi

Procedimento

Ho setaccito la farina con il lievito, l'amido e la fecola, ho unito lo zucchero, il pizzico di sale, il cocco e mescolato.
Ho aggiunto i liquidi: le uova, lo yogurt e l'olio girando fino a quanto il composto non è risultato omogeneo.
Ho aggiutno la vaniglia e le gocce di cioccolato.

Ho unto gli stampini e gli ho versato dentro il composto riempendoli per 3/4. Ho cotto i dolcetti nel forno pre- riscaldato a  180 gradi per 20 minuti.

Ho fatto raffreddare le ciambelline, le ho sformate e le ho cosparse di zucchero a velo.
Poi le ho mangiate... buone!!!

Grazie per essere passati di qui!!! al prossimo post!!!

mercoledì 17 febbraio 2016

Io mi voglio bene - Marco Bianchi


Se siete ancora alle prese con il rimettervi in forma dopo le feste e con i buoni propositi per il 2016 questo è il libro che fa per voi!
Io non credo molto in questi programmi detox, a volte li trovo addirittura divertenti; questo è stato l'anno dello zenzero! Ebbene si internet pullulava di intrugli a base di zenzero in grado di far passare miracolosamente la fame e di bruciare addirittura i grassi. Io consumo decotti a base di limone e zenzero da anni e vi assicuro che se avessero queste proprietà sarei un figurino. In compenso per mal di gola e raffreddore trovo che limone e zenzero siano davvero un portento!

Ma torniamo a Marco Bianchi. E' giovane, sorridente, con un atteggiamento sempre positivo, pronto a rimbalzare anche le più feroci critiche con il buon umore ed è anche un bel ragazzo... Non perde occasione di dichiarare il suo amore per la moglie e la sua bambina ed è attivo suo social principalmente ogni giorno.
Sarà per queste sue qualità, sarà per il suo modo semplice di trasmettere concetti scentifici portandoli alla portata di tutti, sarà per la sua naturalezza e spontaneità, fatto sta che Marco Bianchi piace proprio a tutti.

Un volto giovane che funziona, dimostrando di credere in quel che fa e in quel che dice, e di mettere grande passione nel suo lavoro tanto che il Professor Veronesi l'ha voluto nel suo staff con cui collabora da anni.

Così Marco promuove uno stile di vita salutare, basato sul movimento e su una corretta alimentazione che però deve essere anche buona. Spesso ripete che "Il cibo sano non è da sfigati" ma se cucinato con sapienza può diventare appagante.
Io non posso che essere d'accordo con lui, negli anni mi rendo sempre più conto che mangiando bene vivo molto meglio.

Ma parliamo del libro.
Il titolo mi piace molto e lo trovo particolarmente adatto, nutrirci e nutrire è un gesto d'amore che facciamo a noi stessi e agli altri. 

Il libro è diviso in capitoli che rappresentano gruppi di alimenti, c'è un capitolo sui semi oleosi, un capitolo sui cereali, un capitolo sui legumi etc etc...
Ogni capitolo è formato da una parte teorica sugli aimenti trattati, sulle loro proprietà nutrizionali e sulle loro virtù e una parte dedicata alla ricette su quell'alimento.
Personalmente apprezzo di più la prima parte, le ricette sono interessanti anche se a volte per quanto mi riguarda sono un po' approssimative. In ogni caso sono fonti di ottime idee per piatti sani ed equilibrati.

Se devo trovare un difetto a questo libro è che è molto simile ai precedenti "i magifici venti" e "le ricette dei magnifici venti" che io avevo già quando l'ho acquistato. Questa versione è più ampia e in un libro solo racchiude teoria e pratica, tuttavia per correttezza lo dico, se possedete già gli altri due sappiate che questo è abbastanza simile. Se invece non li possedete è un acquisto che vi consiglio se volete orientarvi verso una sana alimentazione.
Una cosa che apprezzo molto di Marco Bianchi è il suo continuo riferimento a studi e ricerche scentifiche che giustificano quello che sta dicendo, spesso nei libri sull'alimentazione scrivono di evitare alimenti senza spiegarne il motivo, lui invece con parole semplici riesce sempre a far capire il perchè esclude alcuni alimenti dalla sua alimentazione.
Alla fine del libro troviamo un indice analitico delle ricette che è molto comodo visto che le ricette sono suddivise per tipo di alimento e non per portata e senza questo indice sarebbero davvero di difficile consultazione.

In ogni caso è un libro che ho letto con grande piacere, e che vi consiglio.




Grazie per essere passati di qui!
A presto

Clara

martedì 9 febbraio 2016

La Far Breton


Una torta che ADORO! Vi spiego il perchè:
  • è facile da fare
  • si prepara in pochi minuti
  • ha pochi ingredienti (che ho quasi sempre in casa),
  • per essere un dolce è abbastanza salutare
  • la frutta disidratata lo rende naturalmente dolce senza bisogno di abbondare con lo zucchero
  • è morbida e ideale sia come merenda sia come fine pasto e sia per qualunque momento della giornata
  • ha un costo bassissimo
 E' un dolce tradizionale francese, come si capisce facilmente dal nome, una sorta di flan alle prugne, questa è la versione originale ma può essere preparato variando il tipo di frutta, o aromatizzando l'impasto in modo diverso.
Vi lascio la ricetta:

Ingredienti per 8 porzioni

250 gr di prugne secche
2 cucchiai di rum

450 ml di latte intero
3 uova
80 grammi di zucchero ( se vi piacciono le cose molto dolci mettetene 100)
150 grammi di farina
mezzo cucchiaino di vaniglia in polvere (vaniglia vera non vanillina). La vaniglia non è presente nella versione tradizionale del dolce, ma per me è un ever green quindi l'ho messa anche qui e ci sta benissimo.

burro per la teglia

Procedimento:

Come prima cosa occorre coprire le prugne con acqua quanto basta e i due cucchiai di rum.
Bisogna lasciarle a bagno un paio di orette in modo che si idratino bene.

Io accendo il forno  a 190 gradi prima si cominciare a preparare l'impasto perchè la torta ha una preparazione molto veloce, fortunatamente per noi.

Per la preparazione si sbattono le uova con lo zucchero, si aggiunge la farina, e il latte che andrebbe precedentemente fatto bollire e intiepidire, sinceramente io non comprendo la necessità di farlo bollire, visto che non deve sciogliere niente, quindi lo metto direttamente freddo e il risultato viene ottimo, però per correttezza lo dico, tutte le ricette dicono di farlo bollire, per ciò fate voi!
Infine si aggiunge la vaniglia e si mecola bene. Il composto deve risultare liscio e senza grumi.

A questo punto si imburra una teglia, si dispongono sul fondo le prugne ben scolate, e si versa sopra la pastella. Il dolce deve cuocere nel forno pre riscaldato a 190 gradi per circa un'ora. Controllate la cottura forando il centro con uno stuzzicadenti e assicurandovi che esca asciutto. Io nei primi 45 minuti di cottura copro la teglie con un foglio di carta stagnola, per evitare che il dolce si bruci in superficie.

Per questa dose la dimensione della teglia che uso io è 20x20 cm, tuttavia anche un po' più grande andrebbe bene perchè a me viene bello spesso come dolce, cosa che sinceramente, apprezzo molto.

Grazie per essere passati di qui!
a presto

Clara